6 Giugno 1944: D-DAY , Operazione Overlord

Dove poter parlare di tutto ciò che riguarda la storia, eventi, imprese, tattiche ...
Rispondi
Avatar utente
WildChild
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 279
Iscritto il: 11/03/2016, 12:05
Località: Formello
Contatta:

6 Giugno 1944: D-DAY , Operazione Overlord

Messaggio da WildChild » 06/06/2016, 16:15

Ovviamente era impossibile non citare il link alla pagina di Amanti della Storia:

Ore 00.02: Due velivoli inglesi Short S. 29 Sterling paracadutano sulla Bretagna circa 200 manichini dotati di piccole cariche esplosive per simulare colpi d’arma da fuoco. E’ il diversivo scelto per ingannare i tedeschi sul vero punto di sbarco alleato.
Ore 00.16 / 00.48: Oltre mille velivoli aviotrasportano truppe d’èlite britanniche e americane in Normandia per conquistare obiettivi strategici prima degli sbarchi navali.
Ore 02.15: I tedeschi di stanza a Cherbourg individuano parte della flotta d’invasione alleata ma sono troppo impegnati nei violenti combattimenti con le truppe aviotrasportate per poter reagire a questa nuova minaccia.
Ore 03.00: Bombardieri alleati, protetti da squadriglie di caccia, effettuano pesanti incursioni contro le difese tedesche in Normandia. Intanto, a Berghof, Hitler va a dormire senza essere avvertito di quello che sta accadendo.
Ore 04.00 : Circa 7 mila navi con 150 mila uomini, arrivati al largo della Normandia iniziano a salire sui mezzi da sbarco per essere traghettati sulle spiagge assegnate.
Ore 05,35 : Al largo di Omaha Beach, a causa del mare agitato, dei 29 carri anfibi messi in acqua solo 2 riescono a raggiungere la costa. Il resto affonda. Un messo disastro.
Ore 06.00 : I bombardieri americani assegnati alle aree di sbarco di Utah ed Omaha falliscono i raid aerei. In pratica nessuna delle circa 13 mila bombe sganciate colpisce la spiaggia. Un tragico fallimento.
Ore 06.30: Le prime truppe da sbarco americane arrivano alle spiagge di Utah ed Omaha. I tedeschi vengono sopraffatti a Utah ma ad Omaha le mitragliatrici naziste ed il mare mosso provocano una carneficina. Rommel avvisato dello sbarco si mette subito in viaggio per la Francia.
Ore 06.35: Circa 225 Ranger hanno l’arduo compito di neutralizzare le batterie costiere poste su una parete di oltre 30 metri e difese da circa 200 nazisti. Dopo una difficile scalata le truppe d’élite americane colgono il nemico di sorpresa costringendolo alla fuga.
Ore 07.25: Canadesi e britannici sbarcano sulle spiagge di Gold e Sword impegnando i tedeschi ed avanzando lentamente.
Ore 10.00: Albert Speer arriva a Berghof e scopre che Hitler non è stato ancora svegliato perché il comando tedesco ritiene gli attacchi solo un diversivo.
Ore 13.45: La Raf bombarda la cittadina di Caen per favorire l’avanzata delle truppe di terra. Circa 800 civili muoiono nei primi due giorni di raid.
Ore 14.00: Dopo violenti combattimenti gli americani riescono a tracciare una via d’uscita da Omaha mentre sulle altre spiagge, seppur lentamente, gli alleati penetrano nell’interno. Intanto continuano gli sbarchi delle truppe di rinforzo.
Ore 15.00 : Dopo aver esitato Hitler ordina il contrattacco ai panzer nazisti ma questo ritardo sarà pagato a caro prezzo. Le forze meccanizzate tedesche riusciranno solo a ritardare la caduta di Caen.
Ore 17.21: Finalmente a Omaha Beach è possibile consentire lo sbarco ed il passaggio di mezzi su ruota e cingolati.
Ore 20.15: Fallisce il contrattacco tedesco tra le spiagge di Juno .
Ore 24.00: Gli alleati, a fine giornata, si sono assicurati tutti i cinque settori di sbarco, anche se ad Omaha la testa di ponte è ancora vulnerabile. Il grosso delle truppe alleate ormai è stabilmente in territorio francese.
Hitler era consapevole dell’imminente sbarco ed aveva perciò ordinato a Rommel di rinforzare le difese costiere, ma il superbo lavoro di intelligence degli alleati resero il comando tedesco incerto sul luogo e sulla data dell’invasione. Nonostante il massacro di Omaha Beach lo sbarco del 6 giugno fu quindi un successo.
Ma la violenza dei combattimenti e la tenace resistenza dei tedeschi dettero il via alla cosiddetta guerra di logoramento con conseguente aumento delle perdite di entrambi gli schieramenti. Solo il 16 di agosto Hitler ordinò il ritiro dalla Normandia ed il 25 Parigi venne liberata.
La battaglia di Normandia costò in termine di vite umane 220 mila caduti tra gli alleati e circa 240 mila tra i tedeschi oltre a 200 mila nazisti fatti prigionieri. Nonostante questo importante successo la guerra in Europa sarebbe durata altri otto mesi.
Antonio A. – Fonte:BBC History


Ed ecco la pagina: link

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite