Combat Test 3: BVR

Il posto adatto dove poter raccontare delle vostre imprese
Rispondi
Avatar utente
LuckyLuke
Caporale Maggiore Scelto
Caporale Maggiore Scelto
Messaggi: 141
Iscritto il: 15/03/2016, 8:30

Combat Test 3: BVR

Messaggio da LuckyLuke »

Questa volta proviamo un ingaggio BVR (Beyond Visual Range) usando missili a guida radar.

Ripassiamo le basi del funzionamento dei missili a guida radar: l’aereo lanciatore usa il suo radar per “illuminare” il bersaglio. Il missile usa le onde riflesse dal bersaglio per autoguidarsi verso di lui e attaccarlo.
Alcuni missili hanno un piccolo radar con cui illuminare autonomamente il bersaglio ma le dimensioni ridotte dell’antenna rendono il sistema efficace ad una distanza molto ridotta.

Mettiamo a confronto un Su-27 Flanker e un F-15 Eagle, o meglio i loro missili.

Per l’F-15 il missile impiegato è l’AIM-120 Amraam (che ha una guida attiva nella parte terminale del volo, liberando così l’Eagle dall’obbligo di tenere il bersaglio nell’arco frontale), mentre il SU-27 ha in dotazione l’R-27ER (Codice NATO AA-10C Alamo) con una portata leggermente superiore all’Amraam, ma senza guida attiva.

Alla partenza dello scenario i due avversari sono ad una distanza superiore a quella dei missili ma volano uno verso l’altro a velocità supersonica e il Flanker ha la possibilità di lanciare il primo missile (R-27 -a) non appena raggiunta la distanza utile.
Il turno dopo parte anche l'R-27 -b e, finalmente, anche l’F-15 può lanciare i suoi Amraam (sempre uno per turno, AIM-120-a & AIM-120-a ): in capo a 4 turni tutti i missili sono in volo.
Passa un solo altro turno e, grazie alla velocità combinata dei bersagli e dei missili, tutti gli attacchi si risolvono nello stesso turno.
Il sistema di gioco prevede che il bersaglio e il lanciatore che sta guidando il missile con il suo radar si muovano in maniera proporzionale con il missile. In questa maniera se il lanciatore non riesce a tenere il bersaglio inquadrato nel suo arco o se viene danneggiato in maniera grave (se non abbattuto) il missile manca automaticamente il bersaglio.

La sequenza del movimento è importante, pertanto, ecco lo stato di tutti i missili in volo durante questo turno cruciale rispetto i punti spesi dagli aerei (velocità 7), il significato delle sigle è il seguente:

RH=ancora sotto guida del lanciatore (Radar Homing)
AH=passato ad autoguida radar attiva (Active Homing)
X= attacco sul bersaglio (…BOOM!)

BVR.jpg
BVR.jpg (27.96 KiB) Visto 1537 volte

Come si può notare dalla sequenza degli attacchi dei missili, al terzo punto movimento speso il primo ad arrivare al suo bersaglio è l'R-27 -a, ma già al punto 2 entrambi gli Amraam sono passati alla guida attiva e non sono quindi influenzati dalla sorte dell’F-15 che li ha lanciati.
In compenso al punto 4 il primo Amraam attacca il Flanker prima che al punto 6 l’altro R-27 missile possa colpire l’F-15 e potenzialmente potrebbe danneggiarlo/distruggerlo evitando il secondo attacco sull’Eagle.

Il Flanker invece subirà entrambi gli attacchi, anche se l’F-15 venisse distrutto/danneggiato.
Malgrado uno svantaggio in fatto di distanza di ingaggio, il sistema radar attivo dell’AIM-120 e la velocità superiore rispetto alla controparte influenzano in maniera incisiva l’esito potenziale dello scambio.
V6!

Luca
Rispondi